I nostri passi concreti

18.12.2017

30 anni di lavoro, 30 anni di impegno congiunto che hanno contribuito a cambiare volto al territorio di Torino. Lo illustrano le testimonianze nel primo Bilancio Sociale dell’associazione, uno sforzo congiunto al quale ogni azienda Socia ha partecipato.  Tali testimonianze date dagli stakeholders, sia soci che terzi, mettono in luce la valenza e i frutti del mecenatismo progettuale della Consulta per la valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino.

Gratitudine, alla luce di tale Bilancio, è quanto soprattutto voglio esprimere in questo testo introduttivo della newsletter del 2017. Gratitudine verso i Soci che tramite il loro impegno e la loro costanza permettono a Consulta di operare con successo, diventando motivo di orgoglio per quanti vi partecipano. Gratitudine verso la struttura operativa dell’associazione e le numerose persone che in questi anni hanno dato il loro contributo, il loro sostegno, il loro impegno, permettendo a Consulta di esprimere un Mecenatismo Progettuale a favore del territorio. Gratitudine verso gli Enti di Tutela e le Istituzioni che hanno collaborato dando fiducia alla progettualità di Consulta. Gratitudine per la partecipazione alla redazione del Bilancio Sociale che pone le basi per lo sviluppo futuro di Consulta, sia come lavoro a favore del territorio che come sua valorizzazione anche interna alle stesse aziende socie.

Le testimonianze del Bilancio Sociale ci mostrano come l’impegno a favore dell’arte e della cultura sia un impegno per l’identità, l’attrattività e la vita di un territorio. Un impegno che dà i suoi migliori frutti se portato avanti con costanza, attenzione e lungimiranza. Passi concreti e continuativi, incastonati in una strategia.

Passi concreti che in occasione del trentennale hanno portato al completamento del restauro del corpo centrale di Stupinigi, al coronamento dei Musei Reali di Torino con un nuovo logo, al restauro delle campane del Santuario della Consolata, permettendole di suonare il giorno della festa della Consolata. Passi concreti per l’inizio del restauro del cupolino della Cappella della Sindone 20 anni dopo il terribile incendio che la colpì. Passi concreti per la restituzione ai cittadini di Torino del Boschetto dei Giardini Reali grazie ad un intervento di un artista dei Giardini, Paolo Pejrone, che ha saputo dare ai bellissimi alberi il ruolo di protagonisti sostenendoli con una sinfonia di piantine sottobosco, e per il dono di speranza al mondo intero di Giulio Paolini, che ha preso resti marmorei crollati nel tragico incendio della Cappella della Sindone e li ha riproposti come Pietre Preziose grazie allo sguardo di un artista. Passi rivolti al futuro, nell’innovativo e monumentale lavoro per il recupero della fontana dell’Ercole a Venaria Reale. Tutto questo e altro ancora grazie ad una forte e costante collaborazione, con il supporto di contributi straordinari di soci e di terzi.

Con gratitudine concludo, per questo impegno di 30 anni che ha contribuito al cambiamento del volto di Torino e per l’impegno futuro di quanti condividono che è mettere insieme le forze che porta al risultato, GRAZIE.

Guarda l'intervista al TG3 Regione Piemonte

SOCI