News

Benvenuti nel Cortile d’onore del Palazzo dell'Arsenale

Realizzato grazie all’Art Bonus, l’intervento è prossimo a concludersi

I torinesi lo identificano con la Scuola di Applicazione, la sede in cui si formano gli alti ranghi dell’esercito. Pochi però sanno che il Palazzo dell’Arsenale ha una storia antica, che incrocia i più celebri architetti sabaudi. Progettato a metà ’600 come Fonderia da Carlo Morello, alla sua graduale trasformazione in Arsenale contribuirono sia Amedeo di Castellamonte che Filippo Juvarra. Ciò nonostante, il segno definitivo è di un militare-architetto, il capitano Felice De Vincenti: suo il disegno dell’attuale struttura, edificata tra il 1736 e il 1783.
 
Luogo nobile della nostra storia, per via della sua destinazione il Palazzo è rimasto per secoli interdetto al pubblico. Oggi, il restauro del Cortile d’onore, promosso dalla Consulta e affidato all’architetto Andrea Gaveglio di Torino, segna un punto di svolta epocale: l’intervento è stato pensato nella prospettiva di poter aprire a tutti – con tempi e modalità che si dovranno valutare – questo spazio unico per ampiezza e maestosità.
 
Partita a giugno, la risistemazione ha coinvolto principalmente il rifacimento della pavimentazione e dell’impianto di illuminazione del piazzale. In luogo del manto bituminoso del fondo è stata scelta la pietra di Luserna, posata dopo la revisione dell’impianto idrico di raccolta e smaltimento delle acque piovane. Per la nuova illuminazione sono stati scelti corpi illuminanti più performanti e dai ridottissimi consumi. A oggi, per completare i lavori manca solo la creazione di una “zona filtro” nell’atrio principale, che renda sicura l’accessibilità. È prevista tra gennaio e febbraio.

Realizzato in regime di Art Bonus (nome con cui è nota la legge 106 del 2014, che istituisce un credito di imposta per chi effettua erogazioni liberali a sostegno di cultura e spettacolo), il restauro si è avvalso di cospicui fondi messi a disposizione dalla Fondazione Compagnia di San Paolo e da Intesa Sanpaolo.
Molto attivi sul territorio piemontese, i due mecenati sono tra i Soci della Consulta.

Lavoriamo insieme per il bene comune

Continuità nell’innovazione: questa la linea concettuale del Sistema Consulta, un’eccellenza unica nata dalla capacità di collaborare e unire le forze, progettuali ed economiche, per valorizzare il patrimonio artistico e culturale. Dal 1987 la Responsabilità Sociale anima e sostiene il mecenatismo etico di Consulta, che crede nella Cultura quale leva economica ed inclusiva, motore di sviluppo, generatore di attrattività del territorio, fondamento della crescita sostenibile.

Nell’attuale, complessa fase generata dall’emergenza sanitaria, le Aziende e gli Enti Soci sentono una grande responsabilità nei confronti della comunità. Nonostante la congiuntura economica molto critica, Consulta rimane focalizzata nel settore culturale in cui da sempre opera, nella convinzione che sia indispensabile impedire che la crisi legata alla pandemia provochi una desertificazione delle iniziative e dei soggetti culturali, concorrendo ad aggravarne gli effetti sulla struttura sociale.
 
Consulta intende operare per il welfare del territorio e prosegue nel suo impegno per la Cultura, comparto la cui filiera a Torino vale quasi il 10% del PIL cittadino. Nei prossimi anni le esigenze socioculturali aumenteranno: noi continueremo a promuovere iniziative e progetti che contribuiscano al bene comune, creando Lavoro e Bellezza. Oggi più che mai è necessario “fare sistema”. Abbiamo la responsabilità di tutelare l’eredità del passato, trasformandola in un Bene contemporaneo e vivo, concorrendo a realizzare un equilibrio tra storia e futuro, gestione economica e sostegno alla conoscenza, conservazione e sviluppo.

Linee guida della nuova Presidenza

Innovazione nella continuità. Questa in estrema sintesi la linea concettuale del Presidente Giorgio Marsiaj eletto all’unanimità nel corso dell’Assemblea plenaria dei Soci il 5 maggio scorso. Socio Consulta dal 2002, convinto del ruolo guida di Torino per il paese, e da sempre sostenitore dell’opera di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, il neo Presidente ha incontrato i giornalisti venerdì 12 giugno, presso l’Unione Industriale di Torino. L’evento - che si è svolto nella Sala Andrea Pininfarina dell’AMMA - ha visto la partecipazione attiva anche dei Past Presidents: Adriana Acutis, Maurizio Cibrario, Lodovico Passerin d’Entrèves e Luigi Garosci. Tanti, interessanti e complessi i temi della discussione.

È stato sottolineato come in questa difficile fase di emergenza sanitaria, le Aziende e gli Enti Soci della Consulta di Torino sentano una grande responsabilità sociale che anima e sostiene il mecenatismo etico di Consulta fin dalla fondazione nel 1987. Unire le forze imprenditoriali su obiettivi comuni per investire nel recupero e nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico è stata la strada imboccata per prima da Torino, città ricca di storia e creatività, già capitale d’Italia, la città dei Santi Sociali, dell’innovazione e della manifattura.

Consulta crede nella Cultura quale leva economica ed inclusiva, motore di sviluppo, generatore di attrattività. I Soci investono nel brand Torino, con l’intento di promuovere e migliorare il contesto in cui le aziende sono radicate ed operano. “Nonostante la congiuntura economica critica - ha ribadito il Presidente Marsiaj -  Consulta rimane focalizzata nel settore culturale in cui opera da 33 anni. Le aziende mantengono l’impegno di dare corso alle attività programmate, nella convinzione che sarà indispensabile impedire che la crisi legata agli effetti della pandemia possa provocare una desertificazione delle iniziative e dei soggetti culturali, concorrendo ad aggravare gli effetti del fenomeno epidemico sulla struttura socioculturale del paese.”

Sono stati avviati i nuovi cantieri: in piazza Bodoni per il restauro del monumento ad Alfonso della Marmora, in piazza San Carlo per l’intervento sul campanile dell’omonima chiesa, presso il Palazzo dell’Arsenale per il recupero del cortile della Scuola di Applicazione dell’Esercito e nei Giardini Reali per la riqualificazione dei Giardini di Levante.

Consulta rappresenta un’eccellenza e incarna la responsabilità dell’imprenditoria nei confronti della comunità. Allargare la base dei Soci, rafforzare il ruolo innovativo dell’associazione anche attraverso scelte di digitalizzazione grazie alle potenzialità delle aziende Socie: questi i commitments della Presidenza. Nelle parole di Giorgio Marsiaj: “oggi più che mai è necessario fare sistema per fronteggiare le difficoltà e attuare strategie per il rilancio della nostra città”

Accademia Albertina, la stagione dei progetti

Intervista con la Presidente Paola Gribaudo, dallo scorso aprile al vertice dell’antica e prestigiosa istituzione torinese. Tra formazione, mostre e valorizzazione, un quadro completo dei programmi per il rilancio.

Accademia Albertina in gran spolvero: per l’istituzione torinese è una stagione ricca di attività, inaugurazioni, collaborazioni. Tra queste ultime, un posto di rilievo spetta alla Consulta di Torino, che è stata coinvolta in due iniziative: da una parte con il suo annuale progetto didattico, che a giugno ha visto la partecipazione di 25 studenti dell’Accademia; dall’altra con l’intervento sulla Sala dei Cartoni Gaudenziani, resa spettacolare dalla nuova illuminazione e da una comunicazione tecnologicamente all’avanguardia. Abbiamo incontrato Paola Gribaudo, che ha un’agenda fitta di programmi e tante idee innovative da realizzare.  

Una fotografia dell’Accademia oggi. Come funziona e quali peculiarità possiede nel contesto di scuole analoghe in Italia? 

L’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino è una delle Accademie più importanti d’Italia, sia per la sua storia, sia per numero di allievi: oggi sono circa 1500, di 40 nazionalità diverse, e tra loro almeno 400 cinesi. La peculiarità che ci caratterizza è che rispetto ai tradizionali corsi delle Accademie (pittura, scultura, arti decorative) proponiamo altri 10 insegnamenti su materie meno tradizionali, quali ad esempio fotografia, digital art, restauro... corsi a cui tra poco si aggiungerà anche cinema. E proprio nella prospettiva di un’offerta sempre più larga, a fine agosto abbiamo firmato un’intesa con il Conservatorio per la creazione di un “Polo delle Arti”: per ora è un progetto sulla carta, ma presto dovrebbe concretizzarsi con l’istituzione di master di 3° livello in cinema e televisione, dedicati a figure professionali oggi particolarmente richieste. 

Una formazione orientata a creare figure utili. 

Esatto. E in questo senso vorremmo aprire dei contatti anche con l’Unione Industriale per dare uno sbocco ai ragazzi. Chi si iscrive all’Accademia lo fa perché sente di avere un talento interiore: per questo il messaggio che vogliamo trasmettere alla società civile, e con essa alle aziende, è che il mondo contemporaneo ha bisogno di creativi. Una parola, questa, che deve essere declinata in modo ampio: perché dall’Accademia non escono solo pittori e scultori, ma anche ragazzi che si dovranno occupare di comunicazione. Nella nostra Pinacoteca, ad esempio, abbiamo sempre degli stagisti che a rotazione imparano come si allestisce una mostra, come si redige un comunicato stampa, come si interagisce con l’assicurazione e come si imposta un catalogo e la comunicazione. Lo sbocco di un giovane laureato dell’Accademia probabilmente non sarà una casa editrice o un museo: magari andrà da Prada o alla Ferrero, e un comunicato stampa dovrà scriverlo anche lì, per un prodotto o per una mostra. L’idea di base è che coloro che escono dall’Accademia debbano essere preparati ad affrontare ogni situazione: se hai seguito il corso di comunicazione o progettazione, quando ti chiedono di montare una mostra devi sapere quali sono i passaggi per arrivare al risultato finale. 

Qual è invece il ruolo dell’Accademia come istituzione che promuove mostre, cultura, autori? 

L’Accademia Albertina possiede una Pinacoteca. È quello il luogo che tradizionalmente utilizziamo per le mostre, a cui adesso si aggiunge il nuovo spazio ipogeo della Rotonda del Talucchi, recuperato grazie all’intervento della Compagnia di San Paolo. È un ambiente di grande fascino, che in futuro potrebbe ospitare la Pinacoteca del ’900. Per il momento verrà destinato a mostre temporanee: Artissima, per esempio, mi ha chiesto di poterlo utilizzare per l’edizione del prossimo anno, richiesta che valuteremo con il Direttore. 

Come intende lavorare su questo settore di attività? 

Almeno una volta all’anno vogliamo lasciare uno spazio ai professori e agli artisti che si sono formati qui. Ecco perché la mostra inaugurata il 28 novembre è dedicata a Paola de’ Cavèro, che è stata una nostra docente di arte e scenografia. Sarà allestita in Pinacoteca, all’interno del percorso dell’esposizione permanente: un dialogo tra la collezione e le opere contemporanee, molte dedicate al mondo dell’Opera. Ogni artista a cui dedichiamo una mostra dona poi un’opera, che entra a far parte della futura Pinacoteca del ’900. In seguito avremo una mostra dedicata all’arte figurativa dell’Accademia Glazunov (un’accademia moscovita di pittura, scultura e architettura) e, a partire dalla primavera prossima, vorrei allestire nell’ipogeo della Rotonda una mostra che si intitolerà “Le stanze sono piene di libri”, con lo scopo di rivalutare il patrimonio di libri della nostra biblioteca: un’autentica miniera da cui dobbiamo tirare fuori i gioielli. In autunno, infine, sarà la volta di “Disegnare la città”: la mostra più importante, che costruiremo partendo dalle nostre collezioni, in collaborazione con la Fondazione Accorsi e il Museo d’Impresa di Reale Mutua. Sarà pensata come un percorso destinato a coinvolgere la città per conoscerne la storia dal 1884 al 1911. 

Non pensa che rispetto agli altri Musei torinesi la Pinacoteca dell’Albertina sia poco vista, considerate le potenzialità che possiede? 

È vero, e per questo motivo la promozione e la comunicazione sono punti prioritari. Per cominciare, con l’occasione dell’inaugurazione della Sala dei Cartoni Gaudenziani, metteremo un banner permanente all’angolo tra Via Po e via Accademia Albertina, che riporti orari della Pinacoteca e indicazioni per raggiungerla. Un altro dei miei obiettivi sarà istituire l’Associazione degli Amici dell’Accademia Albertina, sulla falsariga di analoghe associazioni operanti in altri musei. In ogni caso, la linea della mia presidenza sarà fortemente orientata a valorizzare ciò che abbiamo, perché esiste uno straordinario patrimonio praticamente sconosciuto. Un discorso che naturalmente non esclude le sinergie: l’Accademia, ad esempio, è uno degli attori nel palinsesto della grande mostra sul Barocco della primavera prossima, che vedrà come capofila la Reggia di Venaria, ma toccherà l’intera regione con eventi, restauri, convegni, laboratori. 

Anche la Sala dei Cartoni Gaudenziani, rinnovata dall’intervento della Consulta, va nella direzione di una trasformazione nel rinnovamento. 

Certamente è mia volontà portare alla luce i documenti inediti dell’Archivio, un’importante tradizione storica che deve essere comunicata e resa viva. 

Infine i libri, tema che credo le stia a cuore, essendo un’esperta in materia... 

I libri sono la mia vita. Per l’Albertina sto curando il restyling delle collane e dei cataloghi: la prima ad uscire, il 5 dicembre, sarà la nuova guida della Pinacoteca Albertina, e l’anno prossimo, come detto, uscirà il volume sui Cartoni Gaudenziani. Ma sui libri mi piace sottolineare ancora un’altra iniziativa, i bibliotour che vengono organizzati in Pinacoteca, nella saletta azzurra. Qui la nostra bibliotecaria presenta a chi si iscrive le edizioni originali di splendidi volumi antichi, spiegandone la storia e le caratteristiche. Incontri speciali, che riscuotono sempre molto interesse.

SOCI