Realizzazioni

Santena, Castello Cavour

Dodici Nature morte

Le operazioni di restauro eseguite sono state rigorosamente conservative: rimosse le vernici e le ridipinture alterate, i dipinti sono stati foderati e montati su nuovi telai; tutte le lacune sono state stuccate a gesso e colla, e reintegrate ad acquerello.

I dodici dipinti presentavano un cattivo stato di conservazione; il problema fondamentale era costituito dall’indebolimento del supporto dovuto all’allentamento della tela, tesa su vecchi telai, non originali, di pessima qualità. Spessi strati di vernice appiattivano i dipinti, limitando molto la loro leggibilità. Le operazioni di restauro eseguite sono state rigorosamente conservative: rimosse le vernici e le ridipinture alterate, i dipinti sono stati foderati e montati su nuovi telai; tutte le lacune sono state stuccate a gesso e colla, e reintegrate ad acquerello.

Un rilievo grafico, conservato nell’Archivio di Santena, ha consentito di datare al 1884 il progetto per l’arredamento della Sala da Pranzo del Castello Cavour dove, entro specchiature, erano state ubicate le dodici tele raffiguranti “Animali in posa”, attribuite a Giovanni Crivelli detto il Crivellino, databili al quarto decennio del secolo XVIII, realizzate secondo canoni di consolidata esperienza, molto vicini ai paracamini dipinti per il Salone della Palazzina di Caccia di Stupinigi.

colophon

Alta Sorveglianza
Michela di Macco, Soprintendenza Beni Artistici e Storici del Piemonte

Restauro
Consorzio Arkè

Coordinamento tecnico-organizzativo
Mario Verdun e Angela Griseri, Consulta