Realizzazioni

Chiesa di San Filippo Neri

Coperture e Facciate

L’intervento di restauro è stato effettuato secondo precise priorità: fondamentale il risanamento delle coperture, una manutenzione straordinaria che ha interessato ben 2.000 metri quadri di tetti, con la revisione delle grandi capriate e la sostituzione di tutta la piccola e media orditura.

Si è passati a trattare gli intonaci e le decorazioni settecentesche della facciata e del pronao, molto compromessi, asportando tutti gli elementi incongrui aggiunti, per cercare di eliminare quel terribile “effetto schiuma” provocato dal rigonfiamento del gesso.

E’ Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours a posare la prima pietra per la costruzione della chiesa, con annesso il convento e l’oratorio. Numerosi i progetti: da quello guariniano a quello di Juvarra del 1715, concretizzato dai suoi allievi, il Sacchetti e il Baroni di Tavigliano; i lavori procedono lentamente e la chiesa viene consacrata nel 1772, ma completata solo nel 1823 ad opera di Giuseppe Maria Talucchi.

colophon

Alta Sorveglianza
Daniela Biancolini, Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici del Piemonte; Michela di Macco, Soprintendenza Beni Artistici e Storici del Piemonte

Direzione Lavori
Roberto Pagliero e Stefano Trucco

Opere
Zoppoli & Pulcher

Restauro
Valentina Barbareschi e Gianguido Dragoni; Aldo Zengiaro

Progetto grafico
Gabriella Bocchio e Giulio Palmieri 

Coordinamento tecnico-organizzativo
Mario Verdun e Angela Griseri, Consulta