Le news di Consulta

NEWSROOM

Restauro
02/02/16

Cominciati lo scorso autunno, stanno volgendo al termine – nei tempi stabiliti – gli interventi di restauro conservativo condotti nell’Appartamento della Regina alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Si tratta di cinque ambienti adiacenti al Salone centrale, alcuni dei quali tra i più raffinati della dimora venatoria, specie per gli affreschi dei soffitti. È sufficiente citare lo straordinario “Sacrificio di Ifigenia”, opera di Giovan Battista Crosato che si trova nell’Anticamera dell’Appartamento della Regina; ma pure non è da meno “Il riposo di Diana”, che illustra la Camera da Letto della Regina.

L’intervento, eseguito da diverse ditte specializzate sotto la direzione operativa della restauratrice Barbara Rinetti, ha riguardato tutti gli apparati fissi decorativi, suddivisi per tipologie: le tappezzerie, gli intonaci, i dipinti murali, le boiseries, le tele dipinte delle sovrapporte, le opere lapidee e i serramenti. Le volte, che si presentavano in buono stato, sono state sottoposte a pulizia e rinfrescate.

Non sono mancate alcune piccole sorprese, che tradizionalmente Stupinigi riserva ai restauratori: un fregio dal colore inaspettato, il ritrovamento di rare tappezzerie settecentesche. Di più però non si può dire, poiché il riserbo è d’obbligo prima dell’inaugurazione, fissata per il mese di maggio.

Con questo lavoro, il corpo centrale della Palazzina recupera un altro tassello fondamentale del percorso di visita, mentre in prospettiva già si pensa di affrontare, in un futuro prossimo, l’Appartamento del Re. Una volta concluso, il progetto di riqualificazione degli Appartamenti Reali consentirà di collegare questi ambienti, attraverso la scala juvarriana, con i locali già adibiti a servizi per il pubblico sotto l’Appartamento di Levante.

L’attuale intervento è stato sostenuto dalla Fondazione CRT, con fondi già deliberati a favore della Fondazione Palazzina Mauriziana Stupinigi; la Consulta di Torino ne ha invece curato la gestione e ha coordinato i lavori. Per fine anno è prevista l’uscita di un volume, finanziato anch’esso dalla Fondazione CRT, dedicata al restauro dell’Appartamento della Regina.